LoadingAggiungi ai favoriti o leggi dopo

[#00008] Italiano: Accento e apostrofo

0 Flares 0 Flares ×

Dopo aver letto l’articolo si può verificare l’esatto apprendimento delle nozioni tramite l’esercizio seguente: Esercizio – Italiano – 00007 – Accento e apostrofo

L’accento e l’apostrofo sono due simboli usati nella lingua italiana. Mentre il primo viene sovrapposto all’ultima vocale di una parola (quando questa lo richiede) il secondo invece si usa per sostituire la vocale finale di un articolo determinativo (LO o LA) o indeterminativo (UNA nel caso che la parola che segue l’articolo indeterminativo rappresenti un nome di genere femminile).

Definizione di accento:

quando l’ultima vocale di una parola si pronuncia con un tono di voce più forte, su di essa si mette l’accento.

Quindi avremo le vocali accentate à, è, ì, ò, ù.

Esempi di parole accentate: comò, bebè, bignè, tè, papà, cucù, tutù, tribù, bambù, città, caffè, sofà.

Definizione di apostrofo:

LO, LA e UNA davanti a una parola che inizia per vocale perdono la vocale finale. Al posto della vocale si segna l’apostrofo.

Quindi avremo le forme L’ e UN’.

Esempi di uso dell’apostrofo: laoca, lauva, loaereo, unaisola, unaelica, unaanatra.

Notate come le vocali (in rosso e tagliate) vengono sostituite dal simbolo dell’apostrofo.

Dopo aver letto l’articolo si può verificare l’esatto apprendimento delle nozioni tramite l’esercizio seguente: Esercizio – Italiano – 00007 – Accento e apostrofo

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading ... Loading ...
0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 0 Flares ×